Norme generali per richiedere l'Immatricolazione di Veicoli provenienti da Stati esteri
PDFStampaE-mail
Indice
Norme generali per richiedere l'Immatricolazione di Veicoli provenienti da Stati esteri
SVIZZERA
STATI UNITI D 'AMERICA
PRINCIPATO di MONACO
Spagna
Germania
Olanda
Gran Bretagna
Francia
Belgio
Bulgaria
Romania
Tutte le pagine

 

 

Prot. n° 33292 del 20 dicembre 2018 - Art. 29 bis , decreto legge 4 ottobre 2018, n.113, convertito in legge 1 dicembre 2018, n.132 - Circolazione in Italia di veicoli immatricolati all'estero.

L’immissione in circolazione dei veicoli provenienti dall’estero è subordinata ad un preventivo controllo della documentazione ed avviene:

Ø In via amministrativa per i veicoli provenienti dai paesi della UE ed appartenenti alla categoria internazionale “M1” o “L” in regola con la prescritta revisione;

Ø All’esito favorevole della visita e prova del veicolo qualora non sia consentita l’immatricolazione in via amministrativa.

Ø non è ammesso l’emanazione di certificati di approvazione per la nazionalizzazione dei veicoli delle categorie internazionali L, M1, N ed O salvo nel caso di doppio collaudo per l’applicazione di sovrastrutture (di cui uno per uso esclusivo interno dell’Ufficio ed uno per la successiva immatricolazione se la sede dell’officina allestitrice è diversa dalla residenza del proprietario del veicolo);

Ø I veicoli della categoria N ed O devono comunque essere sempre sottoposti a collaudo tecnico;

Ø I veicoli della categoria M2 e M3 e veicoli provenienti da paesi extra UE nel caso siano necessari controlli particolarmente complessi, devono essere sottoposti a collaudo da parte del CPA.

(Sono esentati dal produrre la scheda dei dati tecnici i connazionali rimpatrianti o stessi intestatari all'estero che acquisiscono la residenza in Italia. Lo stesso vale per il rispetto della normativa CEE obbligatoria in vigore in Italia al momento della richiesta d' Immatricolazione).

Assolvimento degli obblighi IVA

I veicoli da considerarsi "nuovi", immatricolati o no, sono soggetti all'assolvimento dell'IVA.

I veicoli sono considerati nuovi se ricorre una delle seguenti condizioni:

- hanno percorso meno di 6000 km;

- sono stati ceduti (con riferimento al trasferimento di proprietà attestato dalla data indicata sul contratto di vendita tra il cedente straniero e l'acquirente italiano) prima di 6 mesi dall'immatricolazione.

I veicoli sono considerati usati se hanno percorso oltre 6000 km e sono stati ceduti dopo 6 mesi dalla prima immatricolazione.

Un veicolo "nuovo" immatricolato in un paese della Comunità europea è sempre soggetto all'IVA nel paese di destinazione.

Per quanto attiene la documentazione fiscale da produrre a corredo dell’istanza di immatricolazione, occorre distinguere le seguenti due situazioni:

a) acquisti intracomunitari di veicoli nuovi od usati (motoveicoli, autoveicoli e loro rimorchi), provenienti da Stati della U.E. o aderenti allo spazio economico europeo, attraverso soggetti operanti nell’ esercizio di imprese, arti e professioni ai sensi dell’art. 38 del D.L. 30 agosto 1993 n. 331 (importatori, anche non ufficiali, soggetti ad IVA);

b) acquisti intracomunitari di veicoli nuovi od usati effettuati direttamente da importatori non soggetti IVA (soggetto privato o società avente scopi diversi dalla importazione o commercializzazione di veicoli ).

Nel primo caso, caso a), gli importatori comunicano per via telematica e secondo le procedure di cui al Decreto Dirigenziale 30 ottobre 2007 (G.U. n. 278 del 29/11/2007), i dati relativi al veicolo oggetto di acquisto intracomunitario. In questo caso al richiedente l’immatricolazione non è più richiesta la produzione di alcuna documentazione fiscale, nemmeno sotto forma di autocertificazione, essendo sufficiente la verifica che nel sistema informativo del Dipartimento dei trasporti terrestri risulti confermato il dato.

Per i veicoli importati dai soggetti di cui al caso b), il richiedente l’immatricolazione dovrà produrre, nel rispetto dei principi e delle modalità contenute nel D.P.R. n. 445/2000, una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà attestante:

> la denominazione e codice fiscale o partita IVA dell’operatore (estero) dal quale il proprietario ha acquistato il veicolo;

> il numero di telaio, la fabbrica e il tipo del veicolo;

> la targa del veicolo (se già immatricolato in ambito europeo);

ovvero

la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa dall’ importatore non soggetto IVA , che ha effettuato l’acquisto intracomunitario, attestante:

> il proprio codice fiscale;

> l’avvenuto assolvimento degli obblighi IVA mediante versamento con modello F24 ( tale dichiarazione è dovuta anche nel caso in cui l’interessato non abbia effettuato alcun versamento IVA perché non dovuta);

> il numero di telaio, la fabbrica e il tipo del veicolo;

> la targa del veicolo (se già immatricolato in ambito europeo);

> il numero e la data della fattura dell’acquisto intracomunitario o la data dell’acquisto se il cedente estero non è un soggetto IVA;

> se il veicolo ha percorso più o meno di 6.000 km.

 


 

Immatricolazione dei veicoli provenienti dalla : SVIZZERA

Domanda redatta su modello denominato TT2119 ( ), in distribuzione presso gli Uffici;

Fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità e del codice fiscale;

L'intestatario del veicolo che intende richiedere la targatura nazionale deve essere residente in italia;

A) Veicoli nuovi mai immatricolati e muniti di C.O.C.

Certificato di Origine Comunitario

Attestazione del versamento di € 10,20 sul c/c 9001; I bollettini di conto corrente postale n. 9001 pagati presso Uffici Postali e finalizzati alla richiesta di operazioni di motorizzazione, avranno validità soltanto nel mese in cui avviene il pagamento e nei tre mesi successivi

Attestazione del versamento di € 32 sul c/c 4028;

Attestazione del versamento sul c/c 121012 ( utilizzare esclusivamente il bollettino prestampato in distribuzione presso gli Uffici) :

€ 41,78 per la targa di tipo A

€ 41,37 per la targa di tipo B

€ 22,26 per la targa di un motoveicolo

€ 24,74 per la targa di un rimorchio

B) Veicoli già immatricolati o mai immatricolati e sprovvisti di C.O.C.

- “ LICENZA DI CIRCOLAZIONE" legalizzata o apostillata in ORIGINALE ed una sua fotocopia. Qualora il documento risultasse smarrito si deve presentare la DENUNCIA e il DUPLICATO del DOCUMENTO SMARRITO emesso dalla stessa autorità che ha rilasciato l'originale (circ. n. 133/85 );

- Origine e/o Conformità in ORIGINALE autenticato e legalizzato dall'Autorità competente ed una sua fotocopia ( per i veicoli mai immatricolati e sprovvisti di C.O.C);

- Scheda tecnica (rilasciata per telaio con indicazione delle direttive CEE relativa all'emissione dei gas antinquinamento in vigore in Italia nell'anno di prima immatricolazione del veicolo) rilasciata dall’autorità competente autenticata e legalizzata;

Attestazione del versamento di € 45,00 sul c/c 9001;I bollettini di conto corrente postale n. 9001 pagati presso Uffici Postali e finalizzati alla richiesta di operazioni di motorizzazione, avranno validità soltanto nel mese in cui avviene il pagamento e nei tre mesi successivi

Attestazione del versamento di € 32 sul c/c 4028;

Attestazione del versamento sul c/c 121012 ( utilizzare esclusivamente il bollettino prestampato in distribuzione presso gli Uffici) di :

€ 41,78 per la targa di tipo A

€ 41,37 per la targa di tipo B

€ 22,26 per la targa di un motoveicolo

€ 24,74 per la targa di un rimorchio

C) Bolletta e certificati doganali

Devono essere presentati anche i documenti doganali che comprovano l'avvenuta importazione del veicolo; tali documenti consistono nella bolletta doganale oppure, qualora la bolletta sia unica per più veicoli, nel certificato doganale in bollo ove risulta che sono stati corrisposti i diritti di confine e sono indicati fabbrica e tipo di veicolo, numero di telaio, stato d'uso, estremi della bolletta doganale e categoria del veicolo:

bolletta originale e fotocopia del Certificato Doganale oppure copia autenticata della bolletta e il certificato doganale.

I veicoli di provenienza extra comunitaria importati in altri paesi CEE ed introdotti in Italia a seguito di acquisto intracomunitario non necessitano di certificato doganale; per essi è sufficiente che sia stato assolto l'obbligo IVA sugli acquisti intracomunitari.

 


 

Immatricolazione dei veicoli provenienti dagli : STATI UNITI D'AMERICA

Domanda redatta su modello denominato DTT2119 ( ), in distribuzione presso gli Uffici;

Fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità e del codice fiscale;

A) Veicoli nuovi mai immatricolati e muniti di C.O.C.

C.O.C. originale ed eventuale fotocopia

Attestazione del versamento di € 10,20 sul c/c 9001;I bollettini di conto corrente postale n. 9001 pagati presso Uffici Postali e finalizzati alla richiesta di operazioni di motorizzazione, avranno validità soltanto nel mese in cui avviene il pagamento e nei tre mesi successivi

Attestazione del versamento di € 32 sul c/c 4028;

Attestazione del versamento sul c/c 121012 ( utilizzare esclusivamente il bollettino prestampato in distribuzione presso gli Uffici) di :

€ 41,78 per la targa di tipo A

€ 41,37 per la targa di tipo B

€ 22,26 per la targa di un motoveicolo

€ 24,74 per la targa di un rimorchio

B) Veicoli già immatricolati o mai immatricolati e muniti di Certificato di Origine

"REGISTRATION CARD" e "CERTIFICATE OF TITLE" APOSTILLATI entrambi in originale e fotocopia nel caso di veicoli già immatricolati oppure Certificato di Origine APOSTILLATO in originale e fotocopia nel caso di veicoli mai immatricolati:

Attestazione del versamento di € 45,00 sul c/c 9001;I bollettini di conto corrente postale n. 9001 pagati presso Uffici Postali e finalizzati alla richiesta di operazioni di motorizzazione, avranno validità soltanto nel mese in cui avviene il pagamento e nei tre mesi successivi

Attestazione del versamento di € 32 sul c/c 4028;

Attestazione del versamento sul c/c 121012 ( utilizzare esclusivamente il bollettino prestampato in distribuzione presso gli Uffici) di :

€ 41,78 per la targa di tipo A

€ 41,37 per la targa di tipo B

€ 22,26 per la targa di un motoveicolo

€ 24,74 per la targa di un rimorchio

C) Scheda tecnica (non richiesta per veicoli muniti di C.O.C.)

Scheda delle caratteristiche tecniche (rilasciata per telaio con indicazione delle direttive CEE relative alle emissioni gas , frenatura , sterzo, cinture di sicurezza, ancoraggi, etc.) rilasciata dall’autorità competente o dal costruttore o dal suo legale rappresentante in Italia. Se rilasciata dallo stato di provenienza deve essere AUTENTICATA E LEGALIZZATA o APOSTILLATA (con l’indicazione dei poteri di firma di chi sottoscrive la scheda tecnica).

D) Bolletta e certificati doganali

Devono essere presentati anche i documenti doganali che comprovano l'avvenuta importazione del veicolo; tali documenti consistono nella bolletta doganale oppure, qualora la bolletta sia unica per più veicoli, nel certificato doganale in bollo ove risulta che sono stati corrisposti i diritti di confine e sono indicati fabbrica e tipo di veicolo, numero di telaio, stato d'uso, estremi della bolletta doganale e categoria del veicolo:

- bolletta originale e fotocopia del Certificato Doganale oppure

- copia autenticata della bolletta e il certificato doganale.

I veicoli di provenienza extra comunitaria importati in altri paesi CEE ed introdotti in Italia a seguito di acquisto intracomunitario non necessitano di certificato doganale; per essi è sufficiente che sia stato assolto l'obbligo IVA sugli acquisti intracomunitari.

 


 

Immatricolazione dei veicoli provenienti dal : PRINCIPATO di MONACO

Domanda redatta su modello denominato TT2119 - ,, in distribuzione presso gli Uffici;

Fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità e del codice fiscale;

A) Veicoli nuovi mai immatricolati e muniti di C.O.C.

C.O.C più Scheda tecnica riportante tutte le direttive in vigore in Italia in originale e fotocopia

Attestazione del versamento di € 10,20 sul c/c 9001;I bollettini di conto corrente postale n. 9001 pagati presso Uffici Postali e finalizzati alla richiesta di operazioni di motorizzazione, avranno validità soltanto nel mese in cui avviene il pagamento e nei tre mesi successivi

Attestazione del versamento di € 32 sul c/c 4028;

Attestazione del versamento sul c/c 121012 ( utilizzare esclusivamente il bollettino prestampato in distribuzione presso gli Uffici) di :

€ 41,78 per la targa di tipo A

€ 41,37 per la targa di tipo B

€ 22,26 per la targa di un motoveicolo

€ 24,74 per la targa di un rimorchio

Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

B) Veicoli già immatricolati o mai immatricolati e sprovvisti di C.O.C.

Attestazione del versamento di € 45,00 sul c/c 9001;I bollettini di conto corrente postale n. 9001 pagati presso Uffici Postali e finalizzati alla richiesta di operazioni di motorizzazione, avranno validità soltanto nel mese in cui avviene il pagamento e nei tre mesi successivi

Attestazione del versamento di € 32 sul c/c 4028;

Attestazione del versamento sul c/c 121012 ( utilizzare esclusivamente il bollettino prestampato in distribuzione presso gli Uffici) di :

€ 41,78 per la targa di tipo A

€ 41,37 per la targa di tipo B

€ 22,26 per la targa di un motoveicolo

€ 24,74 per la targa di un rimorchio

- Carta di Circolazione in originale autenticata e apostillata presso le Autorità competenti e fotocopia della stessa con traduzione giurata;

- Scheda dei dati tecnici, e fotocopia della stessa, con riferimento al numero di telaio del veicolo (può essere rilasciata dalla Casa Costruttrice o dal legale rappresentante della stessa in Italia). Sono esentati i connazionali rimpatriati o i cittadini stranieri che abbiano assunto la residenza anagrafica in Italia portando con sè il veicolo, di cui risultino già titolari nel Paese di origine in base alla carta di circolazione definitiva;

- Dichiarazione delle normative CE (può essere rilasciata solo dal legale rappresentante della casa costruttrice in Italia), e fotocopia della stessa;

- Il veicolo, al momento dell' Immatricolazione, deve rispondere alle normative CE in vigore in Italia;

- Nel caso di Immatricolazione provvisoria del veicolo nel Principato di Monaco è necessario allegare la fotocopia della precedente Carta di Circolazione autenticata e legalizzata ovvero il Certificato d'Origine;

- I cittadini extracomunitari devono presentare necessariamente il Permesso di Soggiorno in originale in corso di validità e fotocopia;

- Il giorno della visita e prova (collaudo) è necessario individuare, sul veicolo, e rendere leggibili i caratteri del tipo del motore e del numero di telaio.

Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC


 

Immatricolazione dei veicoli provenienti dalla Spagna

Domanda redatta su modello denominato TT2119 , in distribuzione presso gli Uffici;

Fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità e del codice fiscale;

Versamenti (in distribuzione presso gli Uffici dell'UMC e gli Uffici Postali - i codici causali non sono obbligatori) :

Attestazione del versamento di € 10,20 sul c/c 9001 se il veicolo e’ in ordine con la revisione altrimenti di € 25,00 se deve collaudo.I bollettini di conto corrente postale n. 9001 pagati presso Uffici Postali e finalizzati alla richiesta di operazioni di motorizzazione, avranno validità soltanto nel mese in cui avviene il pagamento e nei tre mesi successivi

Attestazione del versamento di € 32 sul c/c 4028;

Attestazione del versamento sul c/c 121012 ( utilizzare esclusivamente il bollettino prestampato in distribuzione presso gli Uffici) di :

€ 41,78 per la targa di tipo A

€ 41,37 per la targa di tipo B

€ 22,26 per la targa di un motoveicolo

€ 24,74 per la targa di un rimorchio

Veicoli nuovi mai immatricolati

1)  C.O.C. ORIGINALE ( nel caso ci C.O.C. duplicato deve essere sempre presentata dichiarazione del rispetto di tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione, analoga dichiarazione è dovuta se il C.O.C. è rilasciato in data anteriore all’anno ) con firma depositata presso il Ministero o autenticata nei modi di legge

2) Accredito del telaio nel sistema informatico maschera GIVA nel caso di IVA a margine,oppure maschera AIMV nel caso di iva dovuta.

3) Allegato A circolare 27/11/2007

4) Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

5) Per i veicoli non muniti di C.O.C. occorre il CERTIFICATO DI ORIGINE con dichiarazione della casa costruttrice che rispetta tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione. In questo caso deve sempre visita e prova.

7)     nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

Veicoli già immatricolati

1) Carta di circolazione PERMISO DE CIRCULACION e TARJETA INSPECCION TECNICA DE VEICULOS  in originale e tradotte le parti non conformi alla direttiva 1999/37/CE .

C.O.C. originale o una sua fotocopia, oppure scheda tecnica rilasciata dall’ente estero autenticato nei modi di legge , oppure scheda tecnica o codice omologazione rilasciata dal Rappresentante della casa costruttrice in Italia. NOTA: Per quanto attiene la sottoscrizione della scheda tecnica denominata “ficha reducida”, si ricorda che i signori Josè Francisco Garrido Arce e Laureano Perez Saso sono autorizzati alla sottoscrizione, della suddetta scheda, per conto del TUV Rheinland Iberica S.A. pertanto, essendo le firme legalizzate dei suddetti nominativi depositate presso il D.T.T., per esse non dovrà essere richiesta la legalizzazione della firma.

2) Deve visita e prova se il veicolo ha la revisione scaduta ( bisogna tenere conto dei 4 anni dalla prima immatricolazione poi 2 anni )

3) Nel caso di veicoli provenienti dalle ISOLE CANARIE pur facendo parte della Spagna non appartengono all’Unione Europea per tanto devono BOLLA DOGANALE

4) Nel caso di documenti di circolazione smarriti deve denuncia di smarrimento e duplicato rilasciato dall’ente Spagnolo .

6)    Allegato A circolare 27/11/2007

7)    Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

8)    nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

 


 

Immatricolazione dei veicoli provenienti dalla Germania

 

Domanda redatta su modello denominato TT2119 , in distribuzione presso gli Uffici;

Fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità e del codice fiscale;

Versamenti (in distribuzione presso gli Uffici dell'UMC e gli Uffici Postali - i codici causali non sono obbligatori) :

Attestazione del versamento di € 10,20 sul c/c 9001 se il veicolo e’ in ordine con la revisione altrimenti di € 25,00 se deve collaudo - I bollettini di conto corrente postale n. 9001 pagati presso Uffici Postali e finalizzati alla richiesta di operazioni di motorizzazione, avranno validità soltanto nel mese in cui avviene il pagamento e nei tre mesi successivi

Attestazione del versamento di € 32 sul c/c 4028;

Attestazione del versamento sul c/c 121012 ( utilizzare esclusivamente il bollettino prestampato in distribuzione presso gli Uffici) di :

€ 41,78 per la targa di tipo A

€ 41,37 per la targa di tipo B

€ 22,26 per la targa di un motoveicolo

€ 24,74 per la targa di un rimorchio

 

Veicoli nuovi mai immatricolati

 

1)      C.O.C. ORIGINALE ( nel caso ci C.O.C. duplicato deve essere sempre presentata dichiarazione del rispetto di tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione, analoga dichiarazione è dovuta se il C.O.C. è rilasciato in data anteriore all'anno ) con firma depositata presso il Ministero o autenticata nei modi di legge

2)      Accredito del telaio nel sistema informatico maschera GIVA nel caso di IVA a margine, oppure maschera AIMV nel caso di iva dovuta.

3)     Allegato A circolare 27/11/2007

4)      Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

5)      Per i veicoli non muniti di C.O.C. occorre il CERTIFICATO DI ORIGINE con dichiarazione della casa costruttrice che rispetta tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione. In questo caso deve sempre visita e prova.

6)    nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

 

 

Veicoli già immatricolati

1) Carta di circolazione dal 01/10/2005 denominata ZULASSUNGSBESCHEINIGUNG TEIL I e ZULASSUNGSBESCHEINIGUNG TEIL II   in originale e tradotte le parti non conformi alla direttiva 1999/37/CE , i documenti precedenti FAHRZEUGSCHEIN e FAHRZEUGBRIEF  restano validi per le immatricolazioni antecedenti e vanno tradotti .

2) C.O.C. originale o una sua fotocopia, oppure scheda tecnica rilasciata dall’ente estero autenticato nei modi di legge , oppure scheda tecnica o codice omologazione rilasciata dal Rappresentante della casa costruttrice in Italia.

3) Deve visita e prova se il veicolo ha la revisione scaduta ( bisogna tenere conto dei 4 anni dalla prima immatricolazione poi 2 anni )

4) Nel caso di semplice sospensione dalla circolazione deve consegna delle targhe , oppure dichiarazione ente Tedesco dell’avvenuto annullamento, oppure dichiarazione in base al 445/2000 sottoscritta dall'importatore ovvero dal richiedente l’immatricolazione dell’avvenuto annullamento (circ 5553-5938/m362 del 12/12/2005)

5) Nel caso di documenti di circolazione smarriti deve denuncia di smarrimento e duplicato rilasciato dall'ente Tedesco.

6) Allegato A circolare 27/11/2007

7) Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

8) Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

 


 

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall Olanda

 

1) Domanda redatta su modello denominato TT2119 , allegato mod. TT2120 se la pratica è presentata da uno studio di consulenza .

2) Fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità

3) Attestazione versamento sul C.C. 9001 di € 10,20 se il veicolo e’ in ordine con la revisione altrimenti di € 25,00 se deve collaudo. I bollettini di conto corrente postale n. 9001 pagati presso Uffici Postali e finalizzati alla richiesta di operazioni di motorizzazione, avranno validità soltanto nel mese in cui avviene il pagamento e nei tre mesi successivi

4) Attestazione versamento sul C.C. 4028 di € 32,00

5) Attestazione versamento sul C.C. 121012 ( TARGHE )

€ 41,78 per la targa di tipo A

€ 41,37 per la targa di tipo B

€ 22,26 per la targa di un motoveicolo

€ 24,74 per la targa di un rimorchio

DOCUMENTAZIONE

Veicoli nuovi mai immatricolati

 

1)      C.O.C. ORIGINALE ( nel caso ci C.O.C. duplicato deve essere sempre presentata dichiarazione del rispetto di tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione, analoga dichiarazione è dovuta se il C.O.C. è rilasciato in data anteriore all’anno ) con firma depositata presso il Ministero o autenticata nei modi di legge

2)      Accredito del telaio nel sistema informatico maschera GIVA nel caso di IVA a margine,oppure maschera AIMV nel caso di IVA dovuta.

3)      Allegato A circolare 27/11/2007

4)      Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

5)      Per i veicoli non muniti di C.O.C. occorre il CERTIFICATO DI ORIGINE con dichiarazione della casa costruttrice che rispetta tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione. In questo caso deve sempre visita e prova.

6)    nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

 

Veicoli già immatricolati

1)      Carta di circolazione DEEL I A e DEEL II B  in originale e tradotte le parti non conformi alla direttiva 1999/37/CE .

C.O.C. originale o una sua fotocopia, oppure scheda tecnica rilasciata dall’ente estero autenticato nei modi di legge , oppure scheda tecnica o codice omologazione rilasciata dal Rappresentante della casa costruttrice in Italia.

2)      Deve visita e prova se il veicolo ha la revisione scaduta ( bisogna tenere conto dei 4 anni dalla prima immatricolazione poi 2 anni )

3)      Nel caso di documenti di circolazione smarriti deve denuncia di smarrimento e duplicato rilasciato dall’ente Olandese.

4)    Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

5)    nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

 

 

 


 

Immatricolazione dei veicoli provenienti dalla Gran Bretagna

Domanda redatta su modello denominato TT2119 , allegato mod. TT2120 se la pratica è presentata da uno studio di consulenza .

1) Fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità

2) Attestazione versamento sul C.C. 9001 di € 10,20 se il veicolo e’ in ordine con la revisione altrimenti di € 25,00 se deve collaudo.I bollettini di conto corrente postale n. 9001 pagati presso Uffici Postali e finalizzati alla richiesta di operazioni di motorizzazione, avranno validità soltanto nel mese in cui avviene il pagamento e nei tre mesi successivi

3) Attestazione versamento sul C.C. 4028 di € 32

4) Attestazione versamento sul C.C. 121012 ( TARGHE )

€ 41,78 per la targa di tipo A

€ 41,37 per la targa di tipo B

€ 22,26 per la targa di un motoveicolo

€ 24,74 per la targa di un rimorchio

DOCUMENTAZIONE

Veicoli nuovi mai immatricolati

 

1)      C.O.C. ORIGINALE ( nel caso ci C.O.C. duplicato deve essere sempre presentata dichiarazione del rispetto di tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione, analoga dichiarazione è dovuta se il C.O.C. è rilasciato in data anteriore all’anno ) con firma depositata presso il Ministero o autenticata nei modi di legge

2)      Accredito del telaio nel sistema informatico maschera GIVA nel caso di IVA a margine,oppure maschera AIMV nel caso di IVA dovuta.

3)      Allegato A circolare 27/11/2007

4)      Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

5)      Per i veicoli non muniti di C.O.C. occorre il CERTIFICATO DI ORIGINE con dichiarazione della casa costruttrice che rispetta tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione.

6)      PER I VEICOLI PROVENIENTI DAL REGNO UNITO SEMPRE VISITA E PROVA PER CONTACHILOMETRI IN KM E ANABBAGLIANTI PER GUIDA A DESTRA.

7)    nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

 

Veicoli già immatricolati

 

1)      Carta di circolazione REGISTRATION CERTIFICATE in originale e tradotte le parti non conformi alla direttiva 1999/37/CE .

C.O.C. originale o una sua fotocopia, oppure scheda tecnica rilasciata dall’ente estero  autenticato nei modi di legge , oppure scheda tecnica o codice omologazione rilasciata dal rappresentante della casa costruttrice in Italia

2)      Nel caso di documenti di circolazione smarriti deve denuncia di smarrimento e duplicato rilasciato dall’ente Inglese.

3) PER I VEICOLI PROVENIENTI DAL REGNO UNITO SEMPRE VISITA E PROVA PER CONTACHILOMETRI IN KM E ANABBAGLIANTI PER GUIDA A DESTRA.

4)    Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

5)    nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

 

 

 


 

Immatricolazione dei veicoli provenienti dalla Francia


1) Domanda redatta su modello denominato TT2119 , allegato mod. TT2120 se la pratica è presentata da uno studio di consulenza .

2) Fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità

3) Attestazione versamento sul C.C. 9001 di €10,20 se il veicolo e’ in ordine con la revisione altrimenti di € 25,00 se deve collaudo. I bollettini di conto corrente postale n. 9001 pagati presso Uffici Postali e finalizzati alla richiesta di operazioni di motorizzazione, avranno validità soltanto nel mese in cui avviene il pagamento e nei tre mesi successivi

4) Attestazione versamento sul C.C. 4028 di € 32,00

5) Attestazione versamento sul C.C. 121012 ( TARGHE )

€ 41,78 per la targa di tipo A

€ 41,37 per la targa di tipo B

€ 22,26 per la targa di un motoveicolo

€ 24,74 per la targa di un rimorchio

 

DOCUMENTAZIONE

Veicoli nuovi mai immatricolati

 

1)      C.O.C. ORIGINALE ( nel caso ci C.O.C. duplicato deve essere sempre presentata dichiarazione del rispetto di tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione, analoga dichiarazione è dovuta se il C.O.C. è rilasciato in data anteriore all’anno ) con firma depositata presso il Ministero o autenticata nei modi di legge

2)      Accredito del telaio nel sistema informatico maschera GIVA nel caso di IVA a margine,oppure maschera AIMV nel caso di IVA dovuta.

3)       Allegato A circolare 27/11/2007

4)      Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

5)      Per i veicoli non muniti di C.O.C. occorre il CERTIFICATO DI ORIGINE con dichiarazione della casa costruttrice che rispetta tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione. In questo caso deve sempre visita e prova.

6)    nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

 

Veicoli già immatricolati

 

1)      Carta di circolazione CERTIFICAT D’IMMATRICULATION in originale e tradotte le parti non conformi alla direttiva 1999/37/CE .

C.O.C. originale o una sua fotocopia, oppure scheda tecnica rilasciata dall’ente estero autenticato nei modi di legge , oppure scheda tecnica o codice omologazione rilasciata dal Rappresentante della casa costruttrice in Italia. NOTA: Per quanto attiene la sottoscrizione della scheda tecnica dell’ UTAC i Sig. BILY ISABELLE , FEVRE SOPHIE , MARDUEL , RENDU,BOURDILLON hanno depositato la firma presso il Ministero quindi non  dovrà essere richiesta la legalizzazione della firma.

2)      Deve visita e prova se il veicolo ha la revisione scaduta ( bisogna tenere conto dei 4 anni dalla prima immatricolazione poi 2 anni )

3)      Nel caso di documenti di circolazione smarriti deve denuncia di smarrimento e duplicato rilasciato dall’ente Francese .

4)    Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

5)    nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

 

 

 


Immatricolazione dei veicoli provenienti dal Belgio

 

1) Domanda redatta su modello denominato TT2119 , allegato mod. TT2120 se la pratica è presentata da uno studio di consulenza .

2) Fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità

3) Attestazione versamento sul C.C. 9001 di € 10,20 se il veicolo e’ in ordine con la revisione altrimenti di € 25,00 se deve collaudo. I bollettini di conto corrente postale n. 9001 pagati presso Uffici Postali e finalizzati alla richiesta di operazioni di motorizzazione, avranno validità soltanto nel mese in cui avviene il pagamento e nei tre mesi successivi

4) Attestazione versamento sul C.C. 4028 di € 32.00

5) Attestazione versamento sul C.C. 121012 ( TARGHE )

€ 41,78 per la targa di tipo A

€ 41,37 per la targa di tipo B

€ 22,26 per la targa di un motoveicolo

€ 24,74 per la targa di un rimorchio

DOCUMENTAZIONE

Veicoli nuovi mai immatricolati

 

1)      C.O.C. ORIGINALE ( nel caso ci C.O.C. duplicato deve essere sempre presentata dichiarazione del rispetto di tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione, analoga dichiarazione è dovuta se il C.O.C. è rilasciato in data anteriore all’anno ) con firma depositata presso il Ministero o autenticata nei modi di legge

2)      Accredito del telaio nel sistema informatico maschera GIVA nel caso di IVA a margine,oppure maschera AIMV nel caso di IVA dovuta.

3)      Allegato A circolare 27/11/2007

4)      Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

5)      Per i veicoli non muniti di C.O.C. occorre il CERTIFICATO DI ORIGINE con dichiarazione della casa costruttrice che rispetta tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione. In questo caso deve sempre visita e prova.

6)    nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

Veicoli già immatricolati

 

1)      Carta di circolazione CERTIFICAT D’IMMATRICULATION in originale e tradotte le parti non conformi alla direttiva 1999/37/CE .

C.O.C. originale o una sua fotocopia, oppure scheda tecnica rilasciata dall’ente estero autenticato nei modi di legge , oppure scheda tecnica o codice omologazione rilasciata dal rappresentante della casa costruttrice in Italia

Deve visita e prova se il veicolo ha la revisione scaduta ( bisogna tenere conto dei 4 anni dalla prima immatricolazione poi 2 anni )

2)      Nel caso di documenti di circolazione smarriti deve denuncia di smarrimento e duplicato rilasciato dall’ente Belga .

3)    Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

4)    nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

 


 

Immatricolazione dei veicoli provenienti dalla Bulgaria

 

1) Domanda redatta su modello denominato TT2119 , in distribuzione presso gli Uffici;

2) Fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità

3) Attestazione versamento sul C.C. 9001 di € 10,20 se il veicolo e’ in ordine con la revisione altrimenti di € 25,00 se deve collaudo.I bollettini di conto corrente postale n. 9001 pagati presso Uffici Postali e finalizzati alla richiesta di operazioni di motorizzazione, avranno validità soltanto nel mese in cui avviene il pagamento e nei tre mesi successivi

4) Attestazione versamento sul C.C. 4028 di € 32,00

5) Attestazione versamento sul C.C. 121012 ( TARGHE ) :

€ 41,78 per la targa di tipo A

€ 41,37 per la targa di tipo B

€ 22,26 per la targa di un motoveicolo

€ 24,74 per la targa di un rimorchio

 

Veicoli nuovi mai immatricolati

 

1)      C.O.C. ORIGINALE ( nel caso ci C.O.C. duplicato deve essere sempre presentata dichiarazione del rispetto di tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione, analoga dichiarazione è dovuta se il C.O.C. è rilasciato in data anteriore all’anno ) con firma depositata presso il Ministero o autenticata nei modi di legge

2)      Accredito del telaio nel sistema informatico maschera GIVA nel caso di IVA a margine,oppure maschera AIMV nel caso di IVA dovuta.

3)     Allegato A circolare 27/11/2007

4)      Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

5)      Per i veicoli non muniti di C.O.C. occorre il CERTIFICATO DI ORIGINE con dichiarazione della casa costruttrice che rispetta tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione. In questo caso deve sempre visita e prova.

6)    nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

Veicoli già immatricolati

 

1)      Carta di circolazione REGISTRATION CERTIFICATE PART 1 e VEICLE REGISTRATION PART II  in originale e tradotte le parti non conformi alla direttiva 1999/37/CE .

C.O.C. originale o una sua fotocopia, oppure scheda tecnica rilasciata dall’ente estero autenticato nei modi di legge , oppure scheda tecnica o codice omologazione rilasciata dal rappresentante della casa costruttrice in Italia. NOTA: se il veicolo è immatricolato antecedentemente alla date del 01/01/2007  deve dichiarazione delle direttive valide alla data della prima immatricolazione all’estero.

Deve visita e prova se il veicolo ha la revisione scaduta ( bisogna tenere conto dei 4 anni dalla prima immatricolazione poi 2 anni )

2)      Nel caso di documenti di circolazione smarriti deve denuncia di smarrimento e duplicato rilasciato dall’ente Bulgaro .

3)    Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

4)    nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

 


 

Immatricolazione dei veicoli provenienti dalla Romania

 

1) Domanda redatta su modello denominato TT2119 , in distribuzione presso gli Uffici;

2) Fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità

3) Attestazione versamento sul C.C. 9001 di € 10,20 se il veicolo e’ in ordine con la revisione altrimenti di € 25,00 se deve collaudo.I bollettini di conto corrente postale n. 9001 pagati presso Uffici Postali e finalizzati alla richiesta di operazioni di motorizzazione, avranno validità soltanto nel mese in cui avviene il pagamento e nei tre mesi successivi

4) Attestazione versamento sul C.C. 4028 di € 32,00

5) Attestazione versamento sul C.C. 121012 ( TARGHE ) :

€ 41,78 per la targa di tipo A

€ 41,37 per la targa di tipo B

€ 22,26 per la targa di un motoveicolo

€ 24,74 per la targa di un rimorchio

 

Veicoli nuovi mai immatricolati

1)      C.O.C. ORIGINALE ( nel caso ci C.O.C. duplicato deve essere sempre presentata dichiarazione del rispetto di tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione, analoga dichiarazione è dovuta se il C.O.C. è rilasciato in data anteriore all’anno ) con firma depositata presso il Ministero o autenticata nei modi di legge

2)      Accredito del telaio nel sistema informatico maschera GIVA nel caso di IVA a margine,oppure maschera AIMV nel caso di IVA dovuta.

3)       Allegato A circolare 27/11/2007

4)      Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

5)      Per i veicoli non muniti di C.O.C. occorre il CERTIFICATO DI ORIGINE con dichiarazione della casa costruttrice che rispetta tutte le direttive valide alla data di richiesta dell’immatricolazione. In questo caso deve sempre visita e prova.

6)    nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

Veicoli già immatricolati

1)      Carta di circolazione  CERTIFICAT DE INMATRICULARE  in originale e traduzione integrale in lingua italiana qualora la carta stessa sia redatta su un modello che non reca i codici comunitari previsti dalla direttiva 1999/37/CE o qualora contenga annotazioni aggiuntive – CERTIFICAT DE RADIERE

C.O.C. originale o una sua fotocopia, oppure scheda tecnica rilasciata dall’ente estero autenticato nei modi di legge , oppure scheda tecnica o codice omologazione rilasciata dal Rappresentante della casa costruttrice in Italia.

Per i veicoli immatricolati antecedentemente al 01/01/2007 deve dichiarazione della casa costruttrice in italia che rispetta le direttive europee alla data della prima immatricolazione.

Deve visita e prova se il veicolo ha la revisione scaduta ( bisogna tenere conto dei 4 anni dalla prima immatricolazione poi 2 anni )

2)      Nel caso di documenti di circolazione smarriti deve denuncia di smarrimento e duplicato rilasciato dall’ente Rumeno.

3)    Nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA allegato C circolare 27/11/2007

4)    nel caso di importatore NON SOGGETTO IVA copia Fattura o contratto tra privati per inserimento AIPV da parte dell’UMC

Mercoledì 09 Ottobre 2019 11:36