Documenti necessari per richiedere il duplicato della patente di guida a seguito rinnovo di validità con contestuale variazione dei dati anagrafici (aggiunta/ eliminazione del secondo nome, ecc)
PDFStampaE-mail

Quando, in fase di rinnovo della patente, si riscontra discordanza tra i dati presenti nell’ anagrafe nazionale  e quelli riportati sulla patente da rinnovare o sul documento di identità (es. doppio nome, ecc), il medico effettua la visita medica, ma il rinnovo della patente non può avvenire telematicamente, pertanto dovrà essere richiesto dal titolare all’ UMC presentando domanda di duplicato per conferma di validità corredata di:

1) Domanda redatta su modello denominato mod. TT2112 debitamente compilato e sottoscritto;

Versamenti possono essere effettuati presso gli Uffici Postali o si può procedere al Pagamento on Line

2) Versamenti in distribuzione presso gli Uffici dell'UMC e gli Uffici Postali - i codici causali non sono obbligatori (le attestazioni di avvenuto pagamento devono essere incollate negli appositi spazi);

 

redatti su c./c.  9001 di Euro  10,20 i bollettini di conto corrente postale n. 9001pagati presso Uffici Postali e finalizzati alla richiesta di operazioni di motorizzazione, avranno validità soltanto nel mese in cui avviene il pagamento e nei tre mesi successivi

redatti su c./c. 4028 di Euro  16,00;

3) Certificazione di cui all’ allegato 1 al DD 15/11/2013 (Estratto dei contenuti della relazione medica) su supporto cartaceo emessa dal medico, non in bollo, con foto autenticata, in originale e copia (tale certificazione è esibita in originale e prodotta in copia presso l'Ufficio della Motorizzazione, territorialmente competente in ragione del luogo ove è stata effettuata la visita);

4) Stampa della "schermata" generata dal sistema informatico, da cui risulta l’impossibilità di procedere al rinnovo di validità della patente in via telematica;

5) una seconda fotografia identica a quella autenticata dal medico;

6) patente in originale in visione e una fotocopia completa della stessa (fronte e retro);

7) Carta di identità e  codice fiscale in originale ,con i dati anagrafici aggiornati e relative fotocopie;

8) Dichiarazione sostitutiva di atto notorio di cui all’ allegato A nel caso in cui il conducente intenda allineare i dati anagrafici della patente a quelli del documento di identità (aggiunta doppio nome, variazione cognome, ecc); dichiarazione sostitutiva di cui all’ allegato B nel caso in cui il conducente debba presentare una richiesta di duplicato di patente contenente un errore nei dati anagrafici.

9) RICHIESTA DI RECAPITO DUPLICATO PATENTE PRESSO DOMICILIO/RESIDENZA : Compilando il modulo e allegandolo alla richiesta di duplicato presentata presso l'UMC,  è possibile ricevere il duplicato della patente direttamente presso l'indirizzo specificato. All'atto della consegna della patente dovrà essere corrisposta la quota dovuta A POSTE S.P.A. per il servizio di recapito pari a 6,86 euro

La ricevuta di presentazione della domanda di duplicato, unitamente all'originale dell’estratto dei contenuti della relazione medica, è valida ai fini della circolazione fino alla consegna da parte dell’Ufficio del duplicato della patente di guida con la nuova data di validità, e comunque non oltre sessanta giorni dalla data di rilascio del suddetto estratto.

Nota bene:

ai sensi della circolare del Ministero dell’Interno prot. n. 300/A/262/14/109/4 del 13/01/201, la circolazione con patente scaduta di validità, accompagnata dall'estratto dei contenuti della relazione medica scaduta anch'essa di validità perché rilasciata da più di 60 giorni, non è sanzionabile in quanto il rilascio dei predetti documenti attesta in ogni caso l'idoneità psicofisica del conducente e quindi il rinnovo della patente anche se ancora  in corso di perfezionamento.

I cittadini extracomunitari dovranno, inoltre, esibire (in originale o in copia autenticata o in copia semplice con dichiarazione sostitutiva di atto notorio di conformità all'originale in proprio possesso) anche il Permesso di Soggiorno o Carta di Soggiorno (più fotocopia) tanto al momento della presentazione della richiesta quanto al momento del rilascio del provvedimento.  Si informa inoltre che anche la ricevuta postale (o rilasciata dalle competenti autorità di P.S.), attestante la richiesta di primo rilascio o di rinnovo del permesso di soggiorno, è da ritenersi valida ai fini dell'espletamento di tutte le pratiche presentate presso l'Ufficio Motorizzazione dai cittadini extracomunitari. in questo ultimo caso agli atti della pratica dovrà essere allegata, a seconda del caso che ricorre (primo rilascio o rinnovo):
- fotocopia del documento di identità più fotocopia della ricevuta attestante la presentazione dell’istanza di primo rilascio del permesso di soggiorno;

- fotocopia del documento di identità più fotocopia della ricevuta attestante la presentazione dell’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno scaduto con allegata fotocopia di quest’ultimo.

Soggetti legittimati alla presentazione della domanda:

Diretto Interessato esibendo un documento di identità in corso di validità;

Persona delegata con documento di identità in corso di validità munita di delega su carta semplice sottoscritta dal titolare della domanda più fotocopia del documento di identità del delegante in corso di validità; la suddetta delega deve essere presentata tanto al momento della presentazione della domanda quanto al momento del ritiro del documento richiesto.

Autoscuola o Studio di Consulenza Automobilistica. I documenti in originale indicati ai punti 6 e 7 sopra riportati , non sono necessari, come già da disposizioni in uso per gli utenti professionali.

Se il richiedente non è in possesso di carta di identità italiana,l'identificazione può avvenire tramite documento di riconoscimento equipollente, rilasciato da una amministrazione dello Stato italiano o di altri Stati.

Se il documento è redatto in lingua straniera, deve essere allegata una traduzione in lingua italiana (tranne i casi in cui esistono esenzioni stabilite da leggi o accordi internazionali) redatta dalla competente rappresentanza diplomatica o consolare e legalizzata in prefettura, ovvero da un traduttore e giurata innanzi al cancelliere giudiziario o notaio.



Mercoledì 20 Luglio 2016 11:48